ocscience.org

Briganti e brigantesse abruzzesi. Due opere teatrali inglesi di metà Ottocento - M. Cimini

DATA DI RILASCIO 01/01/2007
DIMENSIONE DEL FILE 4,68
ISBN 9788895078434
LINGUAGGIO ITALIANO
AUTRICE/AUTORE M. Cimini
FORMATO: PDF EPUB MOBI
PREZZO: GRATUITA

Tutti i M. Cimini libri che leggi e scarichi da noi

Nell'immaginario inglese di metà Ottocento, l'Abruzzo rappresenta l'emblema del pittoresco romantico, uno spazio cioè capace di evocare sensazioni forti e passioni travolgenti. Sullo sfondo di una natura incontaminata e impervia, la regione è vista come sede di una umanità spontanea e primitiva, costituita quasi esclusivamente da pastori e briganti. I due testi che sono raccolti in questo volume ben incarnano tali stereotipi e li declinano in chiave apertamente drammatica. Il primo di essi "The Queen of the Abruzzi (La regina degli Abruzzi)" si deve alla penna di Joseph Stirling Coyne (1803-1868), e venne messo in scena a Londra la sera dell'8 giugno 1846. Il secondo "Francesca Doria: or, the bandit of the Abruzzi (Francesca Doria, o il bandito degli Abruzzi)" è un libretto d'opera scritto da Val Morris e musicato da George Linley (1798-1865), e venne rappresentata per la prima volta sempre a Londra il 3 marzo 1849. In entrambi i casi, siamo, dunque, di fronte all'immagine di un Abruzzo "esotico" che affascina la sensibilità delle classi colte europee.

...zesche, sono assai diffuse in tutta la Bergamasca, al punto che la loro narrazione potrebbe occupare un intero libro ... Briganti e brigantesse abruzzesi. Due opere teatrali ... ... . In questa sede ci limitiamo a presentare solo alcuni esempi significativi, riferendo anche i casi documentati di due brigantesse che dimostrarono di non essere da meno dei loro più noti compari maschi. In partibus infidelium: assenze e presenze del modello manzoniano in alcuni scrittori abruzzesi dell'Ottocento, in Manzoni e il realismo europeo, Atti del convegno di studi di Chieti, 78 - novembre 2005, Milano, Mondadori, 2007, pp. 23-36; -Briganti e brigantesse abruzzesi. Due opere teatrali inglesi di metà Ottocentotraduz, cura eione La Stori ... Briganti e brigantesse abruzzesi. Due opere teatrali ... ... . 23-36; -Briganti e brigantesse abruzzesi. Due opere teatrali inglesi di metà Ottocentotraduz, cura eione La Storia blindata della lotta al Brigantaggio..147 anni di Storia negata. Cimini M Libri. Acquista Libri dell'autore: Cimini M su Libreria Universitaria, oltre 8 milioni di libri a catalogo. Scopri Sconti e Spedizione con Corriere Gratuita! Quando si parla del fenomeno del brigantaggio, e nel nostro caso dei briganti d'Abruzzo, bisogna prestare molta attenzione e non lasciarsi prendere dagli entusiasmi.La storiografia è troppo spesso vittima di pregiudizi ideologici e schieramenti faziosi, che impediscono di analizzare i reali problemi e le cause che hanno portato allo sviluppo di determinati fenomeni. Le Brigantesse. Le donne briganti durante l'occupazione francese della Calabria. Durante i quasi 10 anni dell'occupazione francese della Calabria (1806-1814), tutta la regione fu protagonista di una guerriglia feroce contro i soldati di Giuseppe Bonaparte e di Gioacchino Murat, incarnando perfettamente la tragedia di quell'epoca tra furori rivoluzionari e l'ira della controrivoluzione. N. 39 - Marzo 2011 (LXX). brigantesse L'altro volto del brigantaggio: Donne guerrigliere del Sud di Monica Sanfilippo . Nel brigantaggio post-unitario, espressione sociale di nuove ed endemiche difficoltà meridionali, confluiscono motivazioni diverse, dall'esasperazione contadina per l'insoluto problema delle terre al legittimismo borbonico, Nell'immaginario inglese di metà Ottocento, l'Abruzzo rappresenta l'emblema del pittoresco romantico, uno spazio cioè capace di evocare sensazioni forti e passioni travolgenti. Sullo sfondo di una natura incontaminata e impervia, la regione è vista come sede di una umanità spontanea e primitiva, costituita quasi esclusivamente da pastori e briganti. Il brigantaggio sin dalla sua genesi aveva - e ha tuttora - come causa di fondo la miseria. Oltre a vera forma di banditismo (soprattutto nel Medioevo), il fenomeno ha spesso assunto connotati di vera e propria rivolta popolare.In età moderna, furono coinvolti vari strati sociali, con connessioni e complicità tra signori e banditi, investendo indifferentemente zone urbane e rurali....